Mission

L'obiettivo è quello di soddisfare l'esigenze dei clienti offrendo loro un servizio rapido e di qualità.

Assistenza a domicilio

Tempestivamente sarà avvisato il tecnico più vicino a Te.

Call Center

Il nostro Call Center è a Vs. completa disposizione:
Tel 0831.961574
N° Verde 800-691040

Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013

Per impianti termici installati ex novo a partire dal 1 settembre 2013 - in tutte le tipologie di immobili - vige l'obbligo di scaricare a tetto. Deroghe previste solo per: sostituzioni di impianti aventi scarico a parete (o in canna ramificata) già esistenti prima del 1 settembre; nel caso di case storiche/stabili vincolati; di fronte all'impossibilità tecnica di sbocco a tetto, asseverata da un progettista. In tali casi, è ammesso lo scarico a parete, purché s'installino generatori di calore a gas (secondo norme UNI) ad alta prestazione energetica e basse emissioni.

(Aggiornato al: 3 settembre 2013)


La Legge n. 90/2Tipologie di scarico fumi caldaia013, entrata in vigore il 4 agosto 2013, ha stabilito nuove disposizioni riguardanti l'evacuazione dei prodotti della combustione degli impianti termici. In particolare, l'art. 17-bis "Requisiti degli impianti termici", al comma 9 stabilisce che:

"Gli impianti termici installati successivamente al 31 agosto 2013 devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente.
9-bis. E' possibile derogare a quanto stabilito dal comma 9 nei casi in cui:
a) si procede, anche nell'ambito di una riqualificazione energetica dell'impianto termico, alla sostituzione di generatori di calore individuali che risultano installati in data antecedente a quella di cui al comma 9, con scarico a parete o in canna collettiva ramificata;

b) l'adempimento dell'obbligo di cui al comma 9 risulta incompatibile con norme di tutela degli edifici oggetto dell'intervento, adottate a livello nazionale, regionale o comunale;
c) il progettista attesta e assevera l'impossibilità tecnica a realizzare lo sbocco sopra il colmo del tetto.

9-ter. Nei casi di cui al comma 9-bis  è obbligatorio installare generatori di calore a gas che, per valori di prestazione energetica e di emissioni, appartengono alle classi 4 e 5 previste dalle norme UNI EN 297, UNI EN 483 e UNI EN 15502, e posizionare i terminali di tiraggio in conformità alla vigente norma tecnica UNI 7129, e successive integrazioni.
9-quater. I comuni adeguano i propri regolamenti alle disposizioni di cui ai commi 9, 9-bis e 9-ter".

 

In sintesi, rispetto alla precedente norma (per la Legge n. 221/2012, si veda box a fondo pagina), vanno rilevate le seguenti modifiche:

  •  l'obbligo di scaricare a tetto, in via generale, ora è esteso a tutte le tipologie di edifici, anche, ad esempio, a villette unifamiliari  (non solo più quindi agli "edifici costituiti da più unità immobiliari");
  • prima, si poteva scaricare a parete se s'installava una caldaia a condensazione; ora, sono indicati tre casi specifici in cui è possibile scaricare a parete, rispettivamente: se si va a sostituire l'impianto con uno già esistente prima del 1 settembre 2013 che già scaricasse a parete o fosse allacciato a canna collettiva ramificata; se lo scarico a tetto risulta incompatibile con norme di tutela degli edifici; se si dimostra, con un'asseverazione del progettista, che è impossibile tecnicamente realizzare uno sbocco a tetto;
  • lo scarico a parete, ammesso solo per i casi in deroga, è previsto purché gli impianti siano di classe 4 e 5 stelle nel rispetto delle norme UNI EN 297, UNI EN 483 e UNI EN 15502 e delle prescrizioni della UNI 7129:2008 (posizionamento dei terminali di tiraggio, distanze da balconi e finestre, aperture di aerazione/ventilazione). Non compare più l'obbligo, come invece veniva riportato nella precedente normativa, di ricorrereesclusivamente alla specifica tipologia di caldaia a condensazione.

"VECCHIA" NORMATIVA SU SCARICO A PARETE (Legge n. 221/2012)

Dal 19 dicembre 2012 al 31 agosto 2013, bastava installare una caldaia a condensazione per poter scaricare i fumi a parete, mentre per l'installazione di tutti gli altri tipi di impianti termici c'era l'obbligo di collegamento a camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione con sbocco sopra il tetto dell'edificio. In particolare, la Legge n. 221/2012, all'art.34 comma 53, stabiliva che:

"Gli impianti termici siti negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione vigente, fatto salvo quanto previsto dal periodo seguente. Qualora si installino generatori di calore a gas a condensazione che, per valori di prestazione energetica e di emissioni nei prodotti della combustione, appartengano alla classe ad alta efficienza energetica, più efficiente e meno inquinante, prevista dalla pertinente norma tecnica di prodotto UNI EN 297 e/o UNI EN 483 o UNI EN 15502, il posizionamento dei terminali di tiraggio avviene in conformità alla vigente norma tecnica UNI 7129 e successive integrazioni".

Normative

Patentino per i frigoristi

Il decreto n. 43 del 27 gennaio 2012 stabilisce che i tecnici e le imprese che eseguono interventi tecnici su impianti frigoriferi, condizionatori, pompe di calore estintori, antincendio e commutatori ad alta tensione ed altri apparecchi contenenti gas fluorurati ad effetto serra, per poter operare dovranno essere in possesso di...

Leggi tutto...
Obbligo certificazione impianto termico in Brindisi e provincia 2015-2016
Obbligo certificazione impianto termico in Brindisi e provincia 2015-2016

Il Comune e la provincia di Brindisi hanno reso noto che è stata prorogata la scadenza relativa al controllo del tuo impianto termico (caldaia) sino al 31 dicembre 2015 fatta eccezione per il Comune di Fasano. Gli utenti interessati sono invitati ad adempiere a tale obbligo di legge per non...

Leggi tutto...
Il modello di libretto per gli impianti termici, obbligatorio dal 1° Giugno 2014
Il modello di libretto per gli impianti termici, obbligatorio dal 1° Giugno 2014

DPR 74/2013 - comincia finalmente a definirsi il quadro della normativa relativa al controllo degli impianti termici.Con il nuovo Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (DECRETO 10 febbraio 2014  “Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della...

Leggi tutto...
Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013
Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013

Per impianti termici installati ex novo a partire dal 1 settembre 2013 - in tutte le tipologie di immobili - vige l'obbligo di scaricare a tetto. Deroghe previste solo per: sostituzioni di impianti aventi scarico a parete (o in canna ramificata) già esistenti prima del 1 settembre; nel caso di...

Leggi tutto...
FACILE E VANTAGGIOSO, CON BEN IL 50% DI DETRAZIONE IRPEF.

Con l’' approvazione del DL 22 Giugno 2012 n° 83, SOSTITUIRE LA CALDAIA ESISTENTE CON UNA NUOVA AD ALTO RENDIMENTO E’ FACILE E VANTAGGIOSO, CON BEN IL 50% DI DETRAZIONE IRPEF. Chi può accedere alla detrazione?Ogni persona fisica, quindi i privati, che presenta la denuncia dei redditi può accedere alle...

Leggi tutto...

Numero Verde

Finanziamenti

News

  • 1
  • 2
  • 3

Conto termico 2.0 (normativa GSE)

Conto termico 2.0 (normativa GSE)

Conto termico, CT , efficienza energetica Il nuovo Conto Termico, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, che incentiva interventi...

19-Giu-2017

Aperta la nuova Campagna di Autocertific…

Aperta la nuova Campagna di Autocertificazione degli Impianti Termici ubicati in Brindisi e Provincia

La Provincia di Brindisi comunica che dal 20 marzo 2017 e sino al 30 maggio 2017 è aperta la nuova Campagna di Autocertificazione degli Impianti Termici ubicati nei comuni del...

27-Mar-2017

Attenzione, non far passare più di due a…

Attenzione, non far passare più di due anni per certificare il tuo impianto termico: norme e controlli periodici!

Cosa devi sapere sulla revisione e fumi della tua caldaia? Se possedi una caldaia devi effettuare dei controlli periodici, di seguito faremo chiarezza sull'argomento.

14-Mar-2017

Per migliorare la tua navigazione su questo sito si utilizzano cookies e tecnologie simili. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo. Scopri cosa sono i cookies